mercoledì 22 ottobre 2014

Ritardo

Salve a tutti:) Vi scrivo per comunicare che la mia assenza sul blog sarà prolungata, causa esami universitari, forse fino a dopo Samhain. Scusatemi ma non ho davvero altra scelta:(
Comunque farò in modo di recuperare e farmi perdonare!
A presto e buon Sabba a tutti!

mercoledì 15 ottobre 2014

Programma dei prossimi post :)

Salve a tutti!
Fino ad ora questo blog è stato riempito di nozioni scientifiche sulla luna, sui suoi movimenti, schede di approfondimento sulle differenze dei termini usati in ambito pagano-magico; ma se l'ho fatto un perché c'è. Il mio voleva essere un mini corso preparatorio per tutto il materiale che vi presenterò successivamente. Se siete qui è perché sapete che questo è un blog che parla (non ancora veramente XD) di pratiche magiche e di religioni pagane, e dunque se dovessi affrontare un discorso relativo ai significati che ha la luna piena con le relative corrispondenze, o se un giorno mi trovassi a parlare di incanti per la fortuna e di quali sigilli usare mi aspetto che tutti coloro che non sanno di cosa sto parlando abbiano la possibilità di fare una ricerchina nel blog stesso e continuare a leggere con un dubbio in meno e una conoscenza in più. Le informazioni scientifiche sulla luna sono la base da cui partire per poter affrontare un discorso religioso, perché non siamo più nel medioevo e certe cose è un dovere saperle.
Sono personalmente contraria al pensiero comune di dividere la scienza dalla pratica, lo trovo molto controproducente. Capisco che molti rifiutino di fare un ripassino di astronomia per paura che quell'alone di mistero attorno alla Luna e non solo possa così scomparire, ma voglio rassicurarvi del fatto che sapere come stanno le cose (e cioè che la Luna è un satellite, che ha dei movimenti ben precisi, che rispetta calcoli e numeri) può solo rafforzare il nostro credo: proprio perché so cosa è scientificamente la luna, e fino a dove la scienza arriva a spiegare il suo influsso e il suo "raggio di azione", posso sostenere la forza magica e divina che è in lei e che sento nelle vene ogni volta che la guardo come se fosse la mia amante segreta.
Un po come dice il detto: tieni vicini i tuoi amici, ma ancora più vicini i nemici. Non mi piace pensare alla scienza come una nemica, e di fatti non lo è per me, ma i "nemici" sono quelli che della scienza di fanno portavoce inviolabili ed indiscussi. Spesso troppe persone pretendono di chiudere un discorso solo con la "supremazia scientifica", e proprio per questo è nostro dovere essere informati a tal proposito, e a quel punto saranno questi fantomatici scienziati a non avere risposte da dare a noi.

Per quanto riguarda i vocaboli e la confusione che spesso si ha al riguardo, ho postato solo due schede informative perché al momento non ho in mente quali altre cose traggano in inganno chi si avvicina a questo mondo, ma se avete richieste fatemele pure all'indirizzo e-mail che trovate nella barra a destra dello schermo:)
Comunque molte cose verranno col tempo, abbiate pazienza >--<
Vi metto un elenco di cosa ho intenzione (hey ho detto intenzione, ma tutto può succedere eheh) di postare in questi giorni:3


martedì 14 ottobre 2014

Dizionario Esoterico : Simboli, Sigilli e Segnature


Ecco come promesso il post sui simboli, sigilli e segnature.  Anche su questi ho visto spesso che si fa confusione e quindi passo subito a parlarvene.

Simbolo:
L'etimologia di simbolo è di matrice greca, dove indicava un pezzetto di terracotta che veniva staccato e diviso tra due persone che avevano stretto un patto fra di loro, in modo che unendo i due pezzi che combaciavano perfettamente nessuno avrebbe potuto tirarsi indietro rinnegando il patto.

Per capire bene cosa è il simbolo secondo me è meglio dire cosa non è:
il simbolo si differenzia dai marchi, che hanno un valore solamente soggettivo e che vengono usati per indicare un'origine fattuale;
ma soprattutto il simbolo non è un segnale, perché un segnale ha un puro valore informativo e non evocativo.
Ecco, è qui che sta il valore del simbolo per una strega, nel suo valore evocativo: evocativo di un'idea, di una divinità, di un potere, di un legame, di una funzione, di un'energia, di un elemento, di un rapporto, di una corrispondenza.
Questo accade proprio perché il simbolo può essere convenzionale, in virtù di una convenzione sociale (una bandiera è un simbolo di unità, convenzionalmente riconosciuta dalle persone che si riconosco come facenti parte di un dato gruppo), e può essere analogico, capace cioè di evocare una relazione tra un oggetto concreto e un'immagine mentale (il pentagramma è un simbolo analogico, non è una semplice stella, racchiude in se i simboli dei 4 elementi e dello spirito).


Sigillo
Inutile dire che alla parola sigillo viene subito in mente "salomonico", e la connessione è giusta, ma bisogna precisare come si passa da un simbolo ad un sigillo.
Il sigillo è fondamentalmente un segno speciale che serve a dare validità o a garantire un certo tipo di risultato. Può anche avere la funzione di "chiusura", di bando.
Quindi venendo al succo della differenza: il sigillo essendo un segno è quello che significa, cioè le rappresentazioni grafiche di cui è costituito rimandano non a significati altri, ma rappresenta connessioni ben precise.
La differenza quindi sta nel fatto che il sigillo rappresenta un certo numero di elementi in senso figurato, un simbolo ha un valore intrinsecamente evocativo invece. Inoltre potremmo dire che il simbolo ha una funzione passiva, a meno che esso non venga fatto oggetto di un incanto specifico da parte della strega, mentre il sigillo è creato appositamente con lo scopo di svolgere un compito, quindi ha una funzione attiva.
I sigilli salomonici spesso sono conosciuti solo come facenti parte dell'Ars Goetia, che io non tratterò mai, perché:
1) non sono interessata a questa pratica
2) non ho alcuna intenzione di scoprirne la validità o veridicità con il risultato di scomodare cose che è preferibile che restino dove sono....se ci sono.
Questa però è solo parte della storia, infatti il buon vecchio Salomone non si occupò solamente di angeli e demoni, ma anche di creare un sacco di sigilli con funzioni che nel percorso di una strega possono tornare molto utili. Ovviamente come avrete capito questo post non si occupa di trattare nello specifico tutti i sigilli salomonici che mi sentirei di consigliarvi; ma serve solo come punto di riferimento per non fare confusione:) I sigilli li tratterò ovviamente, ma nel corso di questo viaggio insieme, uno per volta, quando ce ne sarà bisogno:)


Segnatura
Anche le segnature sono state ideate da Salomone, che ne parla nel secondo libro della Clavicola, nella parte della Teurgia. Salomone dunque non solo creò le segnature in relazione ai pianeti, ma le associò appunto ad angeli ed arcangeli; che invece la magia classica sostituisce per così dire con il nome di Spiriti Planetari, e in questo caso non si è più in presenza di sigilli ma di glifi, che sono identici, ma cambia appunto l'entità di riferimento. Il fatto che sia stato Salomone il creatore delle segnature è indiscutibile proprio perché molte di queste segnature figurano nei suoi sigilli.
Solitamente l'uso che se ne fa è relativo al dominio dell'angelo o dell'arcangelo ed al bisogno che si ha, mentre invece relativamente alla magia classica ed ai glifi, questi vengono spesso incisi sulle candele (partendo dall'alto verso il basso) proprio per rappresentare il dato spirito planetario ed evocarne le caratteristiche. 
Anche in questo caso non tratterò tutte le segnature/glifi perché non è questo il momento giusto:)
Vi lascio soltanto alcune immagini con le segnature/gliffi dei pianeti:)





Dizionario Esoterico: Amuleti e Talismani


Nell'ultimo post vi raccontavo di come il mio bracciale che usavo come amuleto si era spezzato e quindi era ora di riporlo via e di usarne un altro.
Ho notato però che spesso vi è una gran confusione tra amuleti e talismani, infatti non solo vengono usati i nomi come fossero sinonimi, ma non se ne conosce spesso nemmeno la funzione esatta.
Adesso allora ve ne parlo un po io:)

Amuleto
Un amuleto è quell'oggetto di origine prevalentemente naturale che, grazie alle sue proprietà innate o grazie all'influsso magico che ha ricevuto dalla strega, svolge il compito di schermo, refrattore, scudo.
Il suo compito quindi è quello di proteggere, schermando, da diverse cose: malocchio, invidie, energie negative e tutto quello che può essere nocivo per la persona che lo possiede.
La sua azione dunque può definirsi passiva.

Talismano
Il talismano, al contrario, è quell'oggetto di diversa natura (quindi non solo naturale) che grazie alla volontà impressa dalla strega svolge la funzione di attrarre, propiziare, e facilitare il possessore in certe imprese. Questo vuol dire che il talismano, sia esso un ciondolo con una pietra o un ciondolo comprato in un posto x, dopo un preciso rituale, aiuta ad attrarre non solo la fortuna, energie positive e a mantenere un certo equilibro psico-fisico, può essere propiziatore di fasi vitali importanti quali il la gravidanza o il parto, attività come la caccia, o seguire il possessore nelle sue attività magiche aiutandolo nelle diverse operazioni (divinazione, meditazione ecc ecc...).
Quindi la sua azione è attiva. 
Adesso, dopo la spiegazione delle differenze, vorrei proporvi alcuni esempi di amuleti e di talismani che certamente avete visto proprio per rendere tutto più concreto:)

Amuleti:

Hamsa o Mano di Fatima
Questo amuleto ha origini arabe, anche se il nome Hamsa proviene dall'ebraico. Infatti la sua traduzione è "cinque", come i cinque libri venerati dalla Torah, e sempre in ebraico si riferisce alla quinta lettera del'alfabeto; Heh, uno dei nomi di Dio, per i Sunniti rappresenta i cinque pilastri della fede, mentre gli Sciiti vi riconoscono l'autorità dei cinque uomini con il turbante, figure religiose inviate direttamente dal Profeta. Proprio al mondo islamico di deve il nome di Mano di Fatima.
Fatima era la figlia del profeta Maometto, data in sposa ad Ali. Una sera questa, vide rientrare il marito, di cui era perdutamente innamorata, con un concubina, essendo permesso per un uomo avere fino a quattro mogli. La donna per la profonda tristezza non si accorse che il cucchiaio con cui mescolava il semolino le era caduto e che stava continuando a mescolare con la sua mano. La sera, spiando il marito da una fessura, mentre quello si accingeva a passare la notte con la nuova concubina, Fatima pianse una lacrima così carica di amore per il marito che arrivò a bagnargli la spalla, e così decise di non accettare più la concubina.
Questo simbolo rappresenta infatti la famosa mano e il pollice e il mignolo sono spesso rivolte verso l'esterno e ricordano nella forma delle gocce, o lacrime.
Funzione magica:
Questa manina ha due funzioni, quella di scacciare il malocchio e proteggere dalla negatività,
ma viene usata anche come talismano sopratutto dalle donne in Africa proprio per le caratteristiche di Fatima: dona alla donna che la indossa la virtù della pazienza, della fiducia, e della perseveranza.

                               

Occhio di Allah - Occhio di Atena
Questo amuleto viene spesso inserito nella mano di Fatima ed in questo caso si parla di Occhio di Allah. Questo occhio ha il compito di guidare e proteggere i fedeli proprio grazie ad Allah. Anche questo scherma dal malocchio.
Se invece viene preso separatamente si parla di Occhio di Atena, un amuleto di origine molto antica che ha la funzione di proteggere dalla sfortuna, ma solo se donato a colui che lo indossa, e non se comprato di propria mano.
L'occhio di Atena inoltre può fungere da talismano portatore di conoscenza, ma se viene specificato con un intenzione:)




Talismani:

Vegvísir 
Il Vegvísir è un talismano islandese di cui non è certa l'origine. Le notizie che si hanno sono relative all'uso di questo talismano soprattutto tra viaggiatori e cacciatori vichinghi che, in caso di pericoli come tempeste, o se veniva smarrita la strada, se lo disegnavano sulla fronte con carbone, sangue o altro proprio per il suo potere. Di fatti il vegvísir aiuta colui o colei che lo porta a ritrovare la giusta via nel percorso della propria via, anche attraverso le tempeste.
Secondo me questo talismano è ottimo per le streghe soprattutto per le hedgewitch, per chi pratica lo sciamanesimo o per chi semplicemente volesse una guida nel suo percorso nell'apprendere l'Antica religione (o qualunque religione pagana si pratichi).



Aegishjalmur
Questo simbolo runico lo inserisco proprio adesso perché spesso si fa confusione con il Vegvísir. Questo simbolo veniva usato come amuleto di protezione dai guerrieri vichinghi e veniva inciso sotto l'elmo prima della battaglia per garantire l'invincibilità. L'uso anche in questo caso è duplice: come amuleto proteggeva dalla paura e dalla sottomissione, ma ve lo propongo soprattutto per il suo uso talismanico proprio perché credo possa essere davvero utile ad una strega. Di fatti come talismano aiuta ad essere carismatici nella vita sociale e nell'amore, ma soprattutto ad ottenere la vittoria nella lotta e conferisce potere. Io lo consiglierei dunque a tutte le streghe che si trovano ad affrontare "energie negative", prove difficili o momenti di confusione nel proprio percorso.



Spero che questa scheda vi torni utile, e vi ricordo che non era una raccolta o un elenco di amuleti o talismani, ma un post in cui poter capire la differenza tra i due. Il mio intento è quello di fare chiarezza fra le piccole incomprensioni che so bene esserci nel percorso di ognuno di noi. Ovviamente ho intenzione di parlare di altri amuleti e talismani in futuro, ma a tempo debito:)
La prossima scheda sarà su Simboli, Sigilli e Segnature!

giovedì 9 ottobre 2014

Amuleti, mani e piccoli segnali

Avevo sentito un sacco di volte di amuleti, ciondoli e affini portati indosso e poi persi, rotti, scomparsi, spezzati. Su Sacerdotesse di Avalon ne ho letti a migliaia post in cui si chiedeva cosa fare in questi casi, e la mia risposta era sempre la stessa: ha svolto il suo compito, è ora di cambiarlo. 
Ma adesso che capita a me devo dire che mi fa un po strano...per il semplice fatto che non ho mai mai mai perso un solo bracciale, un solo ciondolo, nulla. 
L'oggetto in questione è un braccialetto composto da tante manine di Fatima che avevo comprato poco prima del 1° Maggio, un periodo di svolta per me, un periodo pieno di luce, di fiducia in me stessa, e di scoperta della mia femminilità fino ad allora quasi latente direi. Avevo visto questo braccialetto in un negozietto indiano e finalmente un giorno di ritorno dall'università l'ho comprato tutta felice, insieme ad un ciondolo molto più grande da portare al collo, sempre con la mano di Fatima.
Capisco bene che da un anno a questa parte questo simbolo sia diventato di moda, come ultimamente lo era stato quello dell'infinito, della piuma, del gufo e mille altri; però il mio caso è diverso.

Quando ero piccola una mia zia mi aveva regalato una collanina d'oro con un piccolo ciondolo (che visto con gli occhi di una bambina sembrava enorme) che simboleggiava una strana mano; la "mano delle indovine, delle streghe e delle zingare" come mi diceva mia mamma. A me quella mano piaceva un sacco. Mi trasmetteva un potere unico ora che ci penso. A mia madre non piaceva per niente, le sembrava che portasse il malocchio. Sfortunatamente quella collanina non la indossai molto perché alle elementari si sa, si perdono 8 matite al giorno, pensa una collanina d'oro! Giammaaaaai! Quindi mia mamma con molta felicità me la conservò, molto ma molto bene direi. Tanto che negli ultimi anni, ripensandoci, mi disse che sicuramente IO l'avevo persa. Adesso invece...a distanza di 16 anni ho finalmente ritrovato quella collana; e si, il ciondolo non è grande come lo ricordavo, anzi è piccolissimo, come la punta di un mignolino. Lo indosso da circa una settimana, insieme alla sua finissima catenina dorata che cozza allegramente con i vestiti scuri e i capelli disordinati. 

Pochi minuti fa il bracciale di cui vi parlavo sopra si è spezzato, non capisco nemmeno come. E' caduto a terra e io ho pensato "no, ma dai...allora è tutto vero". Credo che il ciondolo della collana abbia voluto riprendere fieramente il suo posto, il suo compito, quello che gli avevo assegnato quando ancora non sapevo nemmeno scrivere bene il mio nome; e credo che abbia congedato il bracciale, che lo ha degnamente sostituito finché ha potuto.
Il dubbio resta sul da farsi: mi disfo del bracciale sotterrandolo? Inquinerei. Lo metto nella differenziata? Che fine poco decorosa. Lo tengo con me e magari lo riciclo? Mi sa di si:)
Penso proprio che lo farò caricare sotto la luna e sotto il sole, poi starà anche sotto il sale, e dopo penso che sarà pronto per essere smembrato ed usato come ciondolo per i segnalibri del mio Bos o di altre agendine e cosine varie:)
Nonostante tutto è stato con me e mi ha fatto sentire bene, facendomi ricordare sempre di quel bel periodo in cui ho deciso di prenderlo, e quindi come non elimino questi ricordi, non elimino nemmeno lui:)

mercoledì 8 ottobre 2014

Luna rossa dell' 8-10-14...Più semplice di così!

Vi riporto qui il link per poter vedere l'eclissi di luna in diretta:)

E invece questa immagine racchiude secondo me molto bene tutto quello che c'è da sapere su questo fenomeno fantastico:D
Cito questo trafiletto preso da nextime.it perchè mi sembra importante informarvi di ogni aspetto: Dopo quella di oggi, vi saranno dunque altre tre eclissi totali di luna l'8 ottobre 2014, il 4 aprile 2015 e il 28 settembre 2015. Quest'ultima sarà osservabile anche dall'Europa. L'astronomo italiano Giovanni Schiaparelli sottolineò per primo il fatto che la frequenza di tetradi fosse variabile nel tempo. Egli notò infatti che le tetradi erano relativamente abbondanti nel corso di un intervallo di 300 anni ma praticamente assenti nei 300 anni successivi. Ad esempio, non ci sono tetradi nei secoli 1582-1908, ma ve ne sono 17 tetradi nei successivi due secoli e mezzo (1909-2156). Il periodo di 565 anni della stagione della tetrade è legato all'eccentricità decrescente dell'orbita della Terra. In un lontano futuro, quando l'eccentricità della Terra sarà pari a 0, le tetradi non saranno più possibili.
Ovviamente ringrazio astroshop.it per aver permesso l'utilizzo di questo grafico!.

Infographic: understanding lunar eclipses

La Luna e il suo movimento....un po di scienza prima della magia :)

L'approccio che voglio proporvi riguardo lo studio della Luna è inizialmente di tipo scientifico, perché mi sembra giusto che tutti sappiano come effettivamente si muove il mio adorato satellite:)
Non credo che sia giusto sapere solo i significati o le corrispondenze dei diversi Esbat durante l'anno, perché sarebbe come scegliere consapevolmente e scioccamente di ignorare delle conoscenze scientifiche importanti e basilari, e siccome noi non siamo stupidi tizi che giocano a fare gli allegri ignoranti medioevali, bando alle ciance e studiacchiamo un po u.u
La rivoluzione sinodica e rivoluzione siderale
La Luna compie un giro completo sul suo asse nel tempo di 27 giorni, 7 ore e 43 minuti. Questo movimento di rotazione avviene contemporaneamente al suo movimento di rivoluzione attorno alla Terra, e i due movimenti (di rotazione e di rivoluzione) hanno la stessa durata. Questo periodo di tempo è dunque detto mese sidereo.
Intanto, come sappiamo, anche la Terra percorre la sua orbita intorno al Sole, quindi accade che la Luna, finita la rivoluzione sinodica (giro attorno alla Terra), non si ritrovi perfettamente in linea con il Sole. Per poter tornare in linea con il Sole la Luna deve percorrere altri 27°, quindi il tempo che impiega per una rivoluzione (o mese) sinodica è di 29 giorni, 12 ore e 44 minuti.

Queste immagine vi fa vedere il ritardo della Luna nell'allinearsi nuovamente con il sole:


Il mese sinodico è anche detto mese lunare, o più comunemente lunazione
Le fasi che attraversa la luna in un mese sinodico sono principalmente 4:
Novilunio: la luna è in novilunio all'inizio del mese lunare, e volgendoci il suo lato oscuro è quasi invisibile a noi.
Primo quarto / Luna crescente: la luna si trova in questa fase verso il settimo giorno e ha già compiuto un quarto del suo percorso.
Plenilunio / Luna piena: la luna, verso il quattordicesimo giorno del mese lunare, è visibile a noi nella sua pienezza e questo perché la Terra si frappone tra lei ed il Sole. (sotto l'immagine renderà tutto più chiaro)

Ultimo quarto / Luna calante: la luna deve compiere l'ultimo quarto del suo giro e la convessità che ci mostrerà sarà opposta a quella della sua fase crescente.



Il piano dell'orbita della Luna è inclinato di 5°19' rispetto a quello dell'orbita della Terra intorno al Sole (il piano dell'eclittica). Il piano orbitale della Luna, assieme al suo asse di rotazione, ruota in senso orario con un periodo di 18,6 anni, sempre mantenendo un'inclinazione di 5°19' gradi; questo movimento è correlato alle nutazioni terrestri, che possiedono infatti lo stesso periodo. I punti in cui l'orbita lunare interseca l'eclittica sono chiamati nodi lunari


Adesso parliamo delle eclissi possibili. In base alla posizione della Terra, della Luna o del Sole si posso avere diversi casi di eclissi: le eclissi solari accadono quando un nodo coincide con una luna nuova, le eclissi lunari quando un nodo coincide con una luna piena.





Adesso con questo io chiuderei la sezione scientifica riservata alla luna e ai suoi movimenti e fenomeni, spero che questo post sia d'aiuto a tutti coloro che hanno dei dubbi legati allo studio della Luna :) Aprirò il prima possibile un altro post dedicato all'eclissi di luna di oggi, che fa parte della Tetrade di "sangue", così chiamata perché....bhe lo saprete nel prossimo post u.u

martedì 7 ottobre 2014

Solo un piccolo saluto

In occasione di questa bellissima luna (quasi) piena, che ho potuto ammirare in un cielo senza nuvole, ho iniziato il mio piccolo progetto sulle schede delle diverse lune:)
Ci sto lavorando e presto arriverà la prima scheda:) Magari proprio domani!
Intanto vi auguro buona notte, e che la Grande madre possa vegliare su di voi, e il Dio padre svegliarvi al mattino:3

domenica 5 ottobre 2014

Un po di presentazioni!

Con una bella tazza di cioccolata calda accanto scrivo questa piccola presentazione:)
Non scriverò una descrizione di me, per quella c'è la pagina apposita, voglio invece solo parlarvi del blog e di quello che voglio postarvi.
Essenzialmente il mio intento è quello di aiutare chi come me è agli inizi del suo percorso ad approcciarsi gradualmente con le cose essenziali dell'Arte, e con cose essenziali mi riferisco alle nozioni base (almeno per il momento) e agli strumenti base.
Non voglio che questo blog diventi una specie di piccola enciclopedia degli strumenti rituali in quanto a significato, storia e utilizzo, perché per questo ci sono un sacco di siti validissimi (vedi Sacerdotesse di Avalon ). Quello che spero di poter fare è di aiutarvi a poter costruire con le vostre mani appunto questi strumenti: pasta al sale, creta, pietre, rametti, nastri, carta, stoffa, cotone colorato. 

Ma attenzione! Perché se è vero che inizialmente il blog si occuperà molto di "fai da te pagano", in un secondo momento, tolte le eccezioni, mi addentrerò in discorsi, argomenti e tematiche prettamente "teoriche", tralasciando il pratico, per crescere e conoscere sempre più a fondo il percorso di vita che ognuno di noi ha deciso di fare.
Quindi il mio consiglio è quello di iniziare già a raccogliere tutte le cosine carine che pensate potrebbero servirvi in futuro: piume, rametti, fiori da far seccare, sassolini, conchiglie, foglie, corteccia, semini, bacche, e perché no? anche sabbia, terra e acqua di fonte naturale:)
L'unica cosa che mi sento di fare presente è che il blog (e presto anche il canale youtube) sono impegni belli grandi, soprattutto per chi come me non è solo una strega che studia come una matta il suo percorso, ma è anche una figlia, una studentessa universitaria, una fidanzata, un'amica, e la "mamma" si una magnifica cucciolona di nome Brandy, che trovate nella descrizione nella pagina in alto:) Perché vi dico tutto questo? Perché molto probabilmente non ci sarà una cadenza fissa di pubblicazione dei post, dovendo far coincidere queste mille cose appunto:3